Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per l’area metropolitana di Venezia e le province di Βelluno, Padova e Treviso

Biblioteca di Archeologia

Presso Palazzo Folco

La Biblioteca Archeologia della Soprintendenza è situata presso la sede di Palazzo Folco; dispone di circa 25.000 titoli tra monografie, riviste, collane, estratti ed audiovisivi.

Il patrimonio bibliografico, a carattere prevalentemente archeologico, è andato formandosi sin dall’istituzione dell’allora “Soprintendenza agli scavi e ai musei archeologici”, nei primi del Novecento; costituisce quindi il risultato di un’attività svolta su più fronti: l’impegno editoriale dell’Ufficio stesso, l’intensa e pluridecennale attività di scambio con Enti italiani e stranieri, l’acquisto diretto di volumi e le donazioni ad opera di Enti, privati cittadini e studiosi della materia.

Tra le donazioni va ricordata quella recente del fondo Tiné – Bertocchi, donato alla Soprintendenza nel 2011 da Vincenzo Tiné, allora Soprintendente in carica; tale acquisizione ha contribuito ad arricchire sensibilmente la dotazione della Biblioteca, principalmente per quanto riguarda il settore paletnologico e gli studi dell’archeologia della Magna Grecia.

Il patrimonio bibliografico della Soprintendenza si è sempre distinto quale insostituibile strumento di supporto alle attività istituzionali di tutela e valorizzazione svolte dai dipendenti dell’Ufficio; anche in ragione dell’originaria mancanza di spazi adeguati da destinare alla pubblica fruizione, il suo utilizzo è rimasto per anni riservato esclusivamente al personale interno.

La Biblioteca risulta dotata di un Direttore fin dal 1993. La ristrutturazione, avvenuta nel 2010, di un ampio locale situato nell’ala moderna della sede di Palazzo Folco può essere considerata il momento in cui i servizi forniti dalla Biblioteca hanno subito un sostanziale miglioramento. La decisione di utilizzare l’ambiente ristrutturato per ospitare la gran parte del patrimonio librario della Soprintendenza, precedentemente suddiviso in vari settori collocati in ambienti distinti, ha infatti dotato l’Ufficio di uno spazio atto allo studio e alla consultazione. Un luogo aperto, compatibilmente con le attività istituzionali dell’Ufficio, a studenti, studiosi, cittadini.

È possibile accedere alla Biblioteca solo su appuntamento, da richiedere al numero telefonico 049.8243812 oppure inviando una mail al’indirizzo sabap-ve-met.urp@beniculturali.it.

Al primo accesso sarà necessario compilare l’apposito modulo di richiesta.

Per la ricerca e la consultazione della Biblioteca è disponibile personale di supporto; la fotoriproduzione – anche parziale – e il prestito non sono invece ammessi.

Ultimo aggiornamento

27 Maggio 2021, 15:28